Poison Garden: la nuova palette di Nabla Cosmetics

Poison Garden: la nuova palette di Nabla Cosmetics

Nuova palette, nuovi colori, nuovi make up look da realizzare! Per le amanti (come me) degli ombretti, in particolare di quelli firmata Nabla Cosmetics, è di nuovo festa! Sarò maniacale, in questo, ma per me, di ombretti Nabla, c’è sempre bisogno, non sono mai sazia, diciamo così.

Per questa occasione, poi, sono ancora più entusiasta perché, l’ azienda, ha deciso di uscire con un nuovo formato: non più “solo” dodici cialde, bensì 15! Si, avete letto bene, 15 nuove shades tutte da scoprire e da mettere alla prova.

Il concept e il packaging

Ovviamente, il brand non poteva smentirsi; i suoi concepts sono sempre molto intriganti e accattivanti. Per questa novità, ha pensato ad un nome che la dice lunga, soprattutto per quanto riguarda il contenuto della palette: Poison Garden. Un giardino velenoso, bello, elegante, raffinato ma straordinariamente pericoloso, come a dire: da avvicinarsi cautamente e da maneggiare con cura! Il formato è rettangolare, più largo, sempre corredato del comodo specchio che, per l’ occasione, diventa anch’ esso più aperto. Altra novità, ma anche comodo vantaggio, è lo spessore, la Poison Garden è leggermente più sottile delle sue precedenti, sempre molto compatta ma, ovviamente, più comoda e pratica. Il packaging è sempre bellissimo, questa volta Nabla ci regala un motivo floreale, in rilievo, rose nere stilizzate per la precisione, su di un fondo oleografico che richiama le sfumature delle polveri contenute al suo interno. Con questa palette, Nabla ha cercato di rompere un po’ gli schemi, proponendo un prodotto, contenente un mix “letale” di shades per consentire make up look alternativi e drasticamente differenti tra loro.

Palette Poison Garden Nabla Cosmetics

Il contenuto

Come precisato all’ inizio, la Poison Garden, regale ben 15 pressed pigments: 3 file sulle quali sfilano 5 cialde:

  • 1 fila: Zodiac, Fabric, Adoration, Berry Bite, Adagio
  • 2 fila: Zen, Craving, Honey, Subliminal, Archetype
  • 3 fila: Rosita, Majorelle, Narrative, Opera, Canvas.
  • Palette Poison Garden Nabla Cosmetics

Il colore che salta subito all’ occhio, e che ha creato non poche polemiche è Majorelle, un blu elettrico acceso e vibrante; certo, ad una prima analisi potrebbe dar fastidio ma, se lo si contestualizza ha, sicuramente, il suo perché: è un blu molto intenso, non acido come molte make up addicted si aspettavano, accostato a colori come Berry Bite, Zodiac, Opera, completa un perfetto equilibrio di colori freddi e rompe quell’ atmosfera cupa che sembra dare all’ inizio la palette; inoltre lavorato con una shade come Honey, si ottiene, come colore di transizione un verde scuro, un po’ acido. E comunque, quel blu elettrico, anche utilizzato da solo, vi assicuro che è un vero spettacolo, super pigmentato e macchia in modo impressionante, quindi attente nella fase di stesura.

La combinazione di tonalità è sempre molto ben bilanciata, in un’ armonia che oscilla tra texture fluid metal e super matte, ma a questo siamo già abituati. La Nabla è famosa per la formulazione, così particolare ed efficace, delle sue texture. Tra i Fluid Metal troviamo:

  • Fabric: un color sabbia, luminoso e molto delicato, con un effetto cangiante, sotto i riflessi luminosi, che lo trasforma quasi in un rosa cipria
  • Craving: è un duochrome, con una base color ametista e doppi riflessi che virano tra il fucsia e il pesca
  • Archetype: altro duochrome, con base bronzo bruciato, attraversato da riflessi rosati e dorati
  • Rosita: un semplice, ma d’ effetto, rosa cipria.

Nella sezione dei Super Matte troviamo:

  • Zodiac: un intenso e super pigmentato blu notte
  • Berry Bite: un fucsia, cupo e discreto, ma vibrante e molto elegante
  • Adagio: un marrone freddo, molto scuro
  • Zen: un nude che vira verso il rosa, un po’ antico
  • Honey: un color miele, molto intenso, con una punta discreta di arancio
  • Majorelle: uno spettacolare blu elettrico
  • Narrative: un nude che vira verso il beige
  • Opera: uno strepitoso color vino
  • Canvas: un color avorio, luminoso e discreto

Gli ultimi due sono:

  •  Adoration: un top coat, appartenente alla categoria dei Crystal, regala un effetto bagnato, condito da riflessi cobalto, indaco e magenta
  • Subliminal: un altro duochrome, anch’ esso della categoria dei Crystal, è un rame-rosato con riflessi rossi e oro.

Anche in questo caso, La Nabla ha pensato bene di mostrare gli swatches dei pressed pigments sulle braccia di tre differenti coloriti epidermici, in modo da poter notare l’ effetto finale e soprattutto la resa delle polveri che rimane sempre pigmentata  e luminosa.

Swatches Poison Palette Nabla CosmeticsIl trito delle polveri Super Matte è davvero finissimo, impalpabile e fondente, così come quello delle polveri Fluid Matal che non risultano per niente polverosi o granulosi, controllando alla perfezione il rischio fall out.

Una mia personale considerazione: non provate a confrontare questa palette con le precedenti, magari alcune tonalità possono ripetersi, anche se in una variante più scura o più chiara, più fredda o più calda. Apprezzatela così come la vedete, con il suo potenziale e con tutto il fascino che la avvolge; certo, non è discreta come la Dreamy né “partciolare” come la Soul Blooming ma vi assicuro che la Poison Garden è davvero un prodotto versatile e funzionale, con una qualità che è sempre una garanzia e una conferma e, soprattutto, è di grande ispirazione. Quindi! SCATENATEVI!!!

Alla prossima!!!

 

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato. Tutti i campi richiesti sono contrassegnati *